Fattoria I Bonsi

bonsi logo

 

Bonsi2

INFO

Via I Bonsi 47 Reggello (FI)
50066
Telefono +39 055/8652118
Fax +39 055/8652118

Websitewww.agriturismoibonsi.it
E-mailinfo@agriturismoibonsi.it
Variety di olivi: Frantoio 5%, Moraiolo 30%, Leccino 10%, altri 10%
Ettari oliveti: 103 Ettari
Totale produzione annua: 200 quintali
Produzione totale annua Laudemio: 10 quintali

Pare accertato che Filippino Lippi, carmelitano, traesse ispirazione, nel dipingere, dai poggi olivati della fattoria I Bonsi, all’epoca proprietà del convento del Carmine di Firenze. Non sappiamo se partecipasse anche alla frangitura delle olive, che veniva eseguita nell’azienda, come testimonia un antichissimo torchio in pietra e legno tuttora in loco. È cosa certa però che la coltivazione dell’olivo nella zona è una tradizione che risale al Medioevo e tuttora la «cultura» agricola di queste terre è chiaramente olivicola. Attualmente I Bonsi è una grande fattoria sulle pendici dei monti del Pratomagno a 400 metri sul livello del mare in comune di Reggello, e, nella memoria collettiva, Reggello significa olio di alta qualità. Un olio molto particolare con chiare e definite caratteristiche che lo rendono riconoscibile anche rispetto a quello delle zone limitrofe. L’azienda, «costruita» su muri a secco a terrazze, è esposta a mezzogiorno e ciò, insieme alle caratteristiche del terreno, permette la coltivazione dell’olivo che, proprio perché ai limiti delle possibilità climatiche, assicura un frutto squisito, con profumo intenso, fruttato, leggermente piccante. Tali caratteristiche vengono esaltate dai processi di coltivazione, e, con l’uso della “lotta biologica”, si tende a salvaguardare sia l’oliva che l’intero ambiente circostante. Con i nuovi oliveti specializzati, realizzati dopo la gelata del 1985, la Fattoria I Bonsi si pone all’avanguardia per l’olivicoltura nella zona dell’Alto Valdarno; nei campi sperimentali presenti in azienda si effettuano ricerche e sperimentazioni tese al miglioramento della qualità dell’olio. La raccolta delle olive viene fatta a mano nel periodo di prematurazione, privilegiando anche in questa fase la qualità sulla quantità. La frangitura a freddo avviene subito dopo nel frantoio dell’azienda recentemente ristrutturato, ove convivono, in perfetta sintonia e sincronia, macine di pietra, robot e acciaio inox; tradizione collaudata nei secoli e recentissime tecnologie: un connubio che garantisce il massimo della qualità e dell’igiene alimentare. Dalla, cura meticolosa di tutti i particolari del processo produttivo e di trasformazione nasce il Laudemio I Bonsi che, dopo analisi approfondite e test di assaggio da parte di apposite commissioni, viene posto in commercio, garantendo al consumatore un prodotto di origine certa e di sicura qualità.